Bagno in cemento, a Rimini piace

Strana ma non unica la sorte del cemento. Passare dall’essere considerato “povero”, da nascondere sotto ad una pavimentazione o un rivestimento magari in ceramica, all’essere celebrato come nobile elemento di design: in architettura, come nella moda, questo è spesso il destino di tanti materiali che, grazie a nuovi procedimenti e lavorazioni, si guadagnano un posto in prima linea nel dare carattere all’abitazione. Nella società dell’opulenza, che ha già vissuto  fasi di innamoramento collettive per materiali esotici, artificiali ed esclusivi, ecco che oggetti e superfici realizzate semplicemente in legno grezzo o cemento armato ritrovano una loro primigenia bellezza, che dona agli ambienti l’apparenza di essere non del tutto rifiniti, eppure curatissimi e funzionali.
È questo il caso del bagno in cemento, una delle ultime tendenze del design; il cemento (o la ceramica che imita il cemento) si sono già conquistati un posto d’onore in cucina, per esempio per piani di lavorazione termoresistenti, e ora il materiale riveste sanitari e pavimentazioni, spesso con geometrie rigorose, e con il suo aspetto crea ambienti contemporanei, architettonici. Il cemento in bagno non per forza si presenta grigio: esistono tante tonalità, anche calde, che lo caratterizzano insieme ai trattamenti che si possono fare sulle superfici, che possono presentarsi con tante texture, lisce, grezze, a grana fine…

bagno-cemento-cesena

Se si sceglie il cemento nature, il suo colore grigio fa risaltare il bianco dei sanitari e regala un aspetto algido, pulito, minimale, privo di decorazioni che non siano le texture del cemento stesso al luogo forse più intimo della casa. Non dovete pensare che il bagno in cemento sia freddo al tatto, in quanto i materiali utilizzati evitano la sensazione gelida  a contatto con la pelle e, soprattutto, non si macchiano e hanno grande resistenza nel tempo. Esistono anche materiali cementizi trattati con lavorazioni antibatteriche o fungicide, perfetti per ambienti a rischio come il bagno.

Più che di cemento vero e proprio si può parlare di resina cemento, materiale ideato per rivestimenti e pavimenti, una malta a spessore monocomponente, perfettamente traspirante, che si può applicare su murature e rivestimenti già esistenti, a patto che non siano troppo usurati. Si realizza con materiali atossici, è impermeabile (ma attenzione ad asciugare bene altrimenti diventa scivolosa), come abbiamo detto è possibile declinare l’effetto cemento in una grande varietà di effetti e decorazioni e farà felice chi si occupa della pulizia del bagno dal momento che, non presentado fughe, è facile da pulire (tra l’altro sopporta bene gli agenti chimici).

Come svantaggi, in caso di scalfitura occorrerebbe rifare l’intera superficie interessata. Se si è interessati a creare un bagno in cemento è altamente sconsigliato il fai da te, in quanto il movimento della spatola deve essere preciso ed esperto per ottenere un buon risultato, inoltre è importante capire la fattibilità di questo tipo di lavoro.